Parco letterario Adelasia di Torres

 

A Burgos per ricordare la triste avventura della giudicessa Adelasia di Torres, in seno all’Università della Terza Età – UNITRE GOCEANO – UNIVERSITA’ DELLE TRE ETA’– è stato creato un

ParcoLetterario, dedicato appunto ad” ADELASIA di TORRES “.

Grazie alla Fondazione “ Ippolito Nievo” di Roma, che detiene il brevetto dei Parchi Letterari è in fase di allestimento un percorso sentimentale ovvero uno spettacolo itinerante tessuto tra letteratura e realtà storica incentrato sulla storia medioevale e sulle vicende del Giudicati di Torres, senza trascurare il Re di Sardegna “ENZO”, figlio di Federico II° di Svevia, andato sposo in seconde nozze ad Adelasia, da lui successivamente abbandonata e morta di stenti all’interno del Castello di Burgos, edificato da Gonario di Torres.

Il percorso sentimentale – come illustra la Presidente dell’UNITRE Maria Porcu Tilocca,fervente sostenitrice al pari del marito Romolo di varie attività culturali e sociali –si snoderà fra le vie e i vicoli del paese in uno scenario dove l’arte teatrale si mescola alla percezione turistica del Castello, al cui interno si rappresenterà la scena finale, rendendo viva la memoria di Adelasia in un alternarsi di storia e leggenda.

Il viaggiatore – spettatore sarà guidato in un percorso alternativo: il suo sguardo sarà catturato da una dimensione ove il paese e le vallate circostanti si fanno palcoscenico per rievocare attraverso le parole, i racconti, le descrizioni di antichi detti e proverbi e di antiche arti e mestieri,

l’emozione di una donna potente ma fragile, la cui figura ha alimentato la fantasia di tanti scrittori e artisti.

Il Parco Letterario costituirà un approccio nuovo alla complessità della cultura di un popolo a cui ci si avvicina col rispetto e la certezza di avere una chiave giusta per entrare in un mondo nuovo, che affonda le sue radici e la sua identità nella Rocca medioevale per il cui servizio è nato appunto Burgos, a seguito di un Editto di Mariano IV d’Arborea.

Servirà,inoltre, a ricreare un maggiore equilibrio nel rapporto fra l’ambiente e l’uomo, la natura e la cultura.

Ulteriore fine del Parco sarà quello di far maturare e diffondere la consapevolezza del patrimonio

culturale,che ciascun territorio esprime, e la valorizzazione di tutte le componenti naturali,

archeologiche, storiche, artistiche, abitative e di produzione di beni e servizi.

A conclusione di un intenso e proficuo lavoro svolto durante l’anno accademico dall’Università della Terza Età – Unitre Goceano – con sede a Burgos, il 17 giugno 2006, con inizio dei lavori alle ore 15,00, viene inagurato il parco letterario “Adelasia di Torres”.

Il parco letterario rappresenta lo spazio fisico o mentale in cui l’autore ha vissuto che, seppur individuabile in un luogo geografico, non ha precise delimitazioni di confine.

In tale spazio vengono salvaguardate le esperienze visive ed emozionali dell’autore, con attività che stimolano curiosità e fantasie e con la creazione di vari interventi atti a ripristinare il ricordo dell’Autore, tenendo conto dell’ambiente, della storia, delle abitudini e delle tradizioni di chi vive nel luogo.

Il parco assume un importante significato in quanto servirà a valorizzare le economie locali, inserendole nel mercato, poiché farà parte di una rete nazionale e internazionale di itinerari letterari, sentimentali e turistici , coordinata dalla Fondazione Ippolito Nievo di Roma, che ha il brevetto per i parchi letterari.

La nascita del parco vuole essere una sfida, in un tessuto sociale ed economico debole quale quello del Goceano, per creare occasioni di crescita culturale e di sviluppo economico.

Saprà ancora una volta il nostro territorio approfittare dell’opportunità per uscire dal suo isolamento e inserirsi in uno scenario ampio e qualificato? La risposta ai giovani e ai diversi operatori economici della zona, prevalentemente in campo turistico.

Il parco è stato dedicato ad Adelasia di Torres “ultima giudicessa del Giudicato di Torres, sposa di Enzo di Hoenstaufen, figlio naturale di Federico II°, che visse tra il 1207 e il 1259.

Fu un affascinante personaggio del Medio Evo”, tanto sicura da non essere vittima della “ragion di Stato”, cui soggiacevano le figlie delle famiglie più nobili, ma tanto sfortunata, da vivere, a seguito della insanabile crisi attraversata dal suo giudicato, rinchiusa nel castello di Burgos, sua ultima dimora abituale.

La sua figura, oltre ad aver esportato il nome e le vicende del Goceano, fuori dai suoi confini, ha anche alimentato miti e leggende, cui hanno dedicato ampio spazio diversi e importanti scrittori e poeti.

Ci auguriamo che  l’apertura del parco, a Lei dedicato, possa creare altrettanto interesse.

 

 

Burgos lì 12/06/2006

 

Maria Porcu

 

Di seguito viene riportata la scheda del progetto:

Scheda Progetto Parco letterario

Visite al parco letterario:

Associazione culturale Bocheteatro – Visita al Parco letterario redatto da Gianluca Carroni